Comments

Di Fede in Fede – Pastore Giovanni Di Sano

Di Fede in Fede – Pastore Giovanni Di Sano

PDG PRATO WORSHIP SERVICE – 16 FEBBRAIO 2020

PREDICA PASTORE GIOVANNI DI SANO

DI FEDE IN FEDE”

Di con me: “Io sono pronto ad essere trasformato dalla Parola di Dio”.  Questa mattina voglio iniziare un nuovo ciclo, perché desidero che la Chiesa debba entrare in una dimensione nuova. Ad inizio anno ho ricevuto una Parola: questa diceva che saremo entrati nella migliore stagione della nostra vita. Dio mi ha rincuorato, mi ha dato sicurezza.

La Bibbia ci parla sempre di livelli, andiamo di gloria in gloria. Il livello ci parla di crescita, qualcuno che cresce non può rimanere fermo. A volte con il livello che abbiamo ricevuto vogliamo qualcosa che è nel livello successivo. La sfida ti fa vedere a che livello sei arrivato e ti fa desiderare il livello successivo. Noi andiamo da un livello di fede a un altro. Siamo seduti nei luoghi celesti. Tutte le promesse di Dio mi appartengono. Spesso alcune promesse sembrano non realizzarsi, questo accade perché dobbiamo salire di livello per ricevere. Perché è importante che noi comprendiamo che cosa è la fede? A volte pensiamo che possa servirci solo quando la guardiamo, come se fosse un talismano. Non stiamo parlando di fede calcistica. La fede non discute ma crede. Dio non vuole arrivare a una discussione con Dio. Dio non vuole essere discusso, vuole essere creduto. La Bibbia dice che senza fede è impossibile piacere Dio. Senza la fede io e tu non possiamo approcciarci all’idea di Dio. Dio è Spirito e senza fede non possiamo approcciarci a Lui. Tommaso Lo voleva comprendere, ma non poteva: il mondo spirituale è percepibile con la fede.

Qual è il rischio?

Romani 10:17 ci dice che la fede viene dall’udire. La fede non si può basare sulle mie esperienze personali, ma su ciò che Dio ha detto. Io non voglio credere alla mia esperienza. Cosa decidi di credere? La tua scelta ti fa salire o scendere di livello. La Chiesa sulla terra non ha più dimostrato la potenza del Vangelo. Alcuni dicono che le guarigioni sono solo relative alla Chiesa Primitiva. Ma io credo che Dio può guarire ancora oggi.

La fede si basa su ciò che Dio dice. Io piego il mio pensiero alla Parola.

Leggiamo II Pietro 1:5-11

Pietro parla di una scala, una salita di livello. La base è la fede. Se togli questo basamento crolla tutto. Senza una fede noi non potremmo entrare nel Regno di Dio. La fede ti serve per entrare di diritto nel Regno. Immaginate l’eternità come un’entità senza misura. Quando entro nel Regno non posso approcciare con la mia ragione ma con la mia fede. Comprendi il Regno prima nel tuo Spirito e poi nel tuo intelletto. Il Regno di Dio è eterno ma si trova anche nel tempo. Come faccio ad accedere dal regno del tempo a quello che non avrà mai fine. Parliamo delle nozze di Canaan. Gesù come ha potuto compiere un miracolo? Gesù attraverso la fede che ti permette di entrare nella dimensione dell’Eterno, ha potuto compiere il miracolo nella dimensione dell’Eternità. La fede è la porta che ti permette di passare dal regno del tempo all’Eternità.

La fede è la consapevolezza sempre più grande dell’assoluta realtà del Mondo dello Spirito. La fede ti dà la consapevolezza che il mondo spirituale è più reale di quello naturale. Il 90% delle decisioni che prendiamo avvengono sulla base dei nostri sentimenti e non su ciò che crediamo. Se io ho fede ho la consapevolezza che il Mondo dello Spirito è superiore a quello naturale. Noi sappiamo che tutto quello che è nel naturale prima è nato in quello spirituale. Se tu non ricevi la realizzazione di una promessa allora guarda dentro di te, con il fine di salire di livello. C’è bisogno che noi approfondiamo la Parola di Dio. Tutto quello che ricevete la domenica approfonditelo. Le promesse di Dio sono sì e Amen, ma se tu non te ne appropri allora rimangono ferme. Da questa mattina tutto quello che Dio ha preparato verrà preso. La fede ci aiuta a vedere ciò che non si vede ma che c’è. Io sto credendo qualcosa che non vedo ma che esiste, questa è fede.

Cerchiamo Ebrei 11:1.

Tutto quello che ti appartiene si trova nell’Eternità. La fede provoca ora quello che è nell’Eternità. Abbi la piena certezza che la fede esiste per ricevere. La fede non ci occorrerà quando Lo vedremo. La fede serve prima, serve adesso. Gesù ha detto di non vivere in ansietà. Questa nasce dalla fede sensoriale. Se Gesù lo ha detto allora credi. Definire il livello fa sì che tu scelga in cosa credere. Non c’è un punto di vista con Dio, c’è il Suo punto di vista. Non siamo nel terreno con la fede quando ragioniamo con “speriamo che tutto vada bene”.  La verità è Parola di Dio.

Leggiamo Salmo 189:19.

Se la Sua Parola è stabile ciò che non è uguale alla Sua parola non è stabile. Se vuoi essere stabile aggrappati alla Sua Parola. Dio ci ha dato la Sua Parola senza mutare, questo perché si trova in una dimensione eterna. Quando riceviamo una Parola la riceviamo in una dimensione eterna. Voglio vedere mobilitato ogni credente mediante la fede. Se la fede viene dall’udire e questo viene dalla Parola di Dio, questa è certa? Certo che sì. Dio onora quelli che credono e cercano. La fede non si ferma al primo ostacolo.

Cerchiamo Romani 1:16-17.

Analizziamo questo verso. Quanti pensano che Dio è grande, senza misura e indefinibile?  Ogni sillaba che procede dalla bocca di Dio è il pane quotidiano per noi. Ogni versetto deve essere letto incondizionatamente dalla tua situazione. Al verso 17 Dio raccomanda all’uomo di vivere per fede. La Parola dice: “Il giusto vivrà per fede”. L’intenzione di Dio è portarci nell’Eden. Dio vuole che viviamo la fede per entrare nel Mondo dello Spirito. Dio ti ha donato la fede e vuole che usiamo la fede perché sennò siamo bloccati nel mondo dei sensi naturali. La fede non è un optional. La fede è rivelata perché è nascosta. Stiamo parlando del Mondo dello Spirito, dobbiamo credere per entrare in questo, abbiamo bisogno della fede. Perché Gesù poteva fare ciò che faceva? Lui attingeva al Mondo Soprannaturale. Dio ci ha dato se stesso. Ci ha donato la Sua Parola, questa deve essere una bussola; noi possiamo farci un’idea di quello che è nascosto, ma finchè quello che lo ha nascosto non ce lo rivela allora noi vediamo solo il nostro pensiero. La fede di oggi non è la stessa fede di quando avete mosso i primi passi.

Prendiamo Marco 9:23.

Se sei giusto non puoi vivere senza la fede. Non basare la tua vita sui sensi. Se vuoi onorare Dio leggi la Sua Parola.

Leggiamo Marco 9:23.

Gesù ribalta la domanda: non può agire Gesù se tu non credi. Se noi siamo così pazzi da dichiarare una persona guarita allora Dio si diverte ad adempiere alla tua dichiarazione. A volte ci leghiamo alle forme e non investighiamo il nostro cuore. La fede funziona quando è dichiarata. Nel principio la fede ha funzionato solo quando Dio l’ha dichiarata (“sii la luce”). Per cosa Dio ci ha lasciato lo Spirito Santo? Per passare da un livello a un altro. Cresci nella fede.

Cerchiamo Giuda 1:3.

Giuda a un’intuizione concessa dallo Spirito Santo. In greco significa “combattere fino all’ultima goccia di sangue”: non sarà un combattimento semplice, sarà una lotta nello Spirito fino all’esaurimento delle forze. Giuda ha un’intuizione: la fede sarebbe stata annacquata. In quella Chiesa le guarigione avvenivano tramite il tocco da parte dell’ammalato del vestito sudato del predicatore. La nostra fede è come se fosse un filo di rame attaccato alla rete elettrica. Gli autoscontri sono collegati tramite un’antenna a una rete elettrica. Se l’antenna perde contatto con al rete la macchina non si muoverà più. La fede di ogni credente è il canale affinchè il Regno di Dio scenda sulla Terra. Più credenti fanno questo più la Terra è illuminata dal cielo. Molti ministri dicono che partirà un risveglio in Europa che mobiliterà tutti i santi, ci sei anche tu tra questi. Giuda fa questo combattimento affinchè la nostra fede non si allaghi mai. Un combattimento nel quale la fede mi fa raggiungere ciò che Dio ha promesso per me. Lo Spirito Santo ti parla se tu Gli dai gli ingredienti freschi. Questi crescono in autonomia.

Leggiamo Genesi 21:12-20.

Vediamo cheAbramo ha cercato di adempiere da solo alla promessa di Dio e quindi nasce un bambino partorito dalla serva. Dio allora disse ad Abramo di mandare via Agar insieme al bambino, nel deserto di Beer-Sceba finì l’acqua e Agar pianse. Dio la sentì, sentì la sua preghiera. Lui aprì gli occhi naturali a lei. Agar vide un pozzo d’acqua, riempì l’otre e diede da bere al bambino.

Cosa voglio dirti con questo: c’è un miracolo vicino a te, non usare la fede sensoriale ma la fede genuina!

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.pdgtoscana.it/wp-content/uploads/2018/06/Church_Half.jpg);background-size: cover;background-position: center center;background-attachment: scroll;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 250px;}