AddThis Social Bookmark Button

LA TOSCANA

 

La Toscana è una delle maggiori ed importanti regioni italiane per patrimonio storico, artistico, economico, culturale e paesaggistico.

Posta nell'Italia centrale, confina a nord-ovest con la Liguria, a nord con l'Emilia-Romagna, a est con le Marche e l'Umbria, a sud con il Lazio. Ad ovest, i suoi 397 km di coste continentali sono bagnati dal Mar Ligure nel tratto centro-settentrionale tra Carrara (foce del torrente Parmignola, confine con la Liguria) e il Golfo di Baratti; il Mar Tirreno bagna invece il tratto costiero meridionale tra il promontorio di Piombino e la foce del Chiarone, che segna il confine con il Lazio.
Il capoluogo regionale è Firenze, città più grande e popolosa (366.074 abitanti), nonché principale fulcro storico, artistico ed economico-amministrativo; 
le altre città capoluogo di provincia sono: Arezzo, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa, Pisa, Pistoia, Prato e Siena.
La Toscana amministra anche le isole dell'Arcipelago Toscano, oltre ad una piccola exclave situata tra i confini dell'Emilia-Romagna e delle Marche, in cui sono situate alcune frazioni del comune di Badia Tedalda.
Fino al 1859 è stata uno stato indipendente nato ad opera della Repubblica di Firenze. Da allora ha fatto parte del Regno di Sardegna, del Regno d'Italia ed oggi della Repubblica Italiana.
l territorio toscano è per la maggior parte collinare (66,5%); comprende alcune pianure (circa l'8,4% del territorio) e importanti massicci montuosi
(il 25,1% della regione).

 

../site/images/stories/CartinaToscana.png

 

FIRENZE

 

../site/images/stories/Firenze.png

Firenze è una delle città più conosciute del mondo.
E' stata per molti anni la culla della cultura e dell'arte, a Firenze sono nati infatti molti tra i più grandi artisti del Rinascimento e di tutta la storia dell'umanità. E' grazie alle loro opere che ogni anno centinaia di migliaia di turisti ogni anno scelgono il capoluogo toscano come meta per le proprie vacanze. 
Firenze ha una popolazione di circa 408.000 abitanti ed è capoluogo della provincia e della regione.
È circondata dalle colline di Settignano, Fiesole, Careggi, Arcetri e Bellosguardo. 
Le principali risorse economiche sono, per ovvi motivi, dovute al turismo, ma anche a numerose e variegate industrie (tessili, abbigliamento, ottiche, metalmeccaniche, chimiche, farmaceutiche e metallurgiche), all'artigianato (merletti, oreficeria, lavorazione della paglia e produzione di articoli in pelle). Sede di una famosa università, di varie biblioteche e di istituti di ricerca e di istruzione superiore.

 

La Firenze storica è compresa in una zona abbastanza compatta, tanto che la maggior parte dei luoghi di interesse può essere raggiunta a piedi. 
Piazza del duomo costituisce il centro geografico e storico della città, punto di partenza ideale per una visita approfondita. 
Mentre buona parte di Firenze ha un aspetto legato al rinascimento, la zona tra Palazzo Vecchio e il Duomo conserva un'atmosfera tipicamente medievale. 
Palazzo Vecchio e Piazza della Signoria sono stati per secoli, il cuore della vita politica e sociale della città. 
La grande campana era usata per chiamare i cittadini a raccolta per le assemblee pubbliche.
Il patrimonio artistico della città come si è detto è tra i maggiori del mondo; famosi i musei (Uffizi, Pitti, Bargello, Archeologico, di Arte Moderna, dell'Opera, del Duomo); le biblioteche (Laurenziana, Riccardiana, Marucelliana, Nazionale Centrale); le accademie (della Crusca, Cimento, Colombaria) e i giardini (Cascine, Boboli). 
I monumenti religiosi costituiscono un grande complesso artistico: il duomo (Santa Maria del Fiore) sormontato dall'immensa cupola del Brunelleschi e dal campanile di Giotto, custodisce una Pietà di Michelangelo; il battistero con le porte bronzee di Ghiberti e di Andrea Pisano; Santa Maria Novella; Santa Croce, nella quale si trovano le tombe dei grandi, Machiavelli, Michelangelo, Galileo, Alfieri, Foscolo, Rossini; San Lorenzo con le sagrestie del Brunelleschi (vecchia) e del Michelangelo (nuova). 
Anche per quanto riguarda l'aspetto civile, l'architettura è espressa da opere grandiose, quali il palazzo Vecchio, la loggia dell'Orcagna, lo Spedale degli Innocenti (Brunelleschi) con un elegante loggiato, i palazzi Medici, Pitti (galleria di pittura) degli Uffizi (opera del Vasari) e il ponte Vecchio, caratteristico per la sua doppia fila di botteghe, dal 1500 esclusive degli orafi.

 

 

../site/images/stories/Prato.png

 

PRATO

 

Prato è un comune italiano di 186.825 abitanti, capoluogo della provincia omonima dal 1992, in Toscana. La città è famosa in Italia e nel mondo per la produzione tessile. Negli ultimi decenni è stata protagonista di un notevole boom demografico e, attualmente, è la seconda città della Toscana, la terza dell'Italia centrale (dopo Roma e Firenze) e la diciottesima in Italia per numero di abitanti.

La specializzazione di Prato nelle produzioni tessili risale al XII° secolo quando le produzioni di panni erano regolate dalla corporazione dell'Arte della Lana. La decadenza politica ed economica dell'Italia nel XVI° e del XVII° secolo segnò una caduta delle attività tessili che si ripresero negli ultimi anni del Settecento con la produzione di berretti di maglia esportati nei mercati arabi. Il passaggio dalla manifattura artigianale ai sistemi di produzione industriale si svolge nella seconda metà del 1800. L'introduzione nelle imprese pratesi di filatoi, garzi, cimatrici e calandre meccaniche ha avuto un primo trascinatore in Giovan Battista Mazzoni, un pratese geniale che dopo aver conseguito la laurea alla Normale di Pisa aveva perfezionato i suoi studi a Parigi. Nuove spinte vennero dalle famiglie austriache Kossler e Mayer che nel 1887 scelsero Prato per impiantarvi quello che per tutti i pratesi sarebbe diventato "Il Fabbricone". 
Per circa mezzo secolo l'industria tessile locale approfitta delle commesse militari, dei dazi e delle politiche autarchiche per rafforzarsi e alla vigilia della seconda guerra mondiale   è già un affermato centro tessile, anche se non ha le dimensioni delle grandi capitali del tessile italiano: Schio, Busto Arsizio, Biella, Como. 
Il vero boom del distretto pratese inizia nel secondo dopoguerra. Tra il 1950 ed il 1981 il numero degli addetti tessili balza da 22.000 a 60.000 e questo avviene in un periodo in cui, in tutta Europa, il settore registra emorragie occupazionali traumatiche. 
Per la sua capacità di andare controcorrente, agli inizi degli anni '80 Prato viene indicato come l'archetipo di uno dei pilastri più originali del successo del made in Italy: i distretti industriali.
Di fatto la brillante performance delle sue imprese sui mercati internazionali insinua i primi dubbi nel dibattito sulle prospettive del settore T&A che le teorie economiche assegnavano frettolosamente a paesi con costi dei fattori diversi. 
La crisi degli anni `80
Gli anni '80, per il distretto tessile pratese, sono stati un periodo difficile, che ha fatto pensare ad un processo di deindustrializzazione: il numero degli addetti nell'industria tessile scende da 60.000 a 45.000 (-25%); quello delle imprese precipita da 16.000 a 10.000 (-35%).Per un po' di tempo i pratesi hanno vissuto con lo spettro dei processi di declino economico e sociale che avevano colpito le grandi regioni tessili del Nord Europa: Nord Pas de Calais (F), Tilburg (NL), Aquisgrana (D), Inghilterra nord-occidentale. 
In pratica, i problemi del distretto pratese iniziano con alcune grandi virate nei mercati del settore T&A. II riscaldamento nelle abitazioni, la motorizzazione di massa e la diffusione di nuovi stili di vita determinano un progressivo alleggerimento del peso medio dei tessuti dei vestiti; nei guardaroba dei consumatori, aumentano i tessuti in cotone, lino e poliestere a spese di quelli di lana. 
In questo periodo una parte consistente dell'offerta pratese era composta da tessuti di lana cardata impiegati nella produzione di abbigliamento invernale (cappotti, tailleurs, giacche) e il terremoto dei mercati coglie impreparate molte imprese. La mutata geografia del T&A e i nuovi modelli di consumo lanciavano una grande sfida al distretto costretto improvvisamente ad affrontare problemi inediti e a rimettere in discussione prassi e strutture organizzative radicate. 
La ripresa
Sollecitati dalle sfide lanciate dai mercati, gli imprenditori pratesi si sono rimboccati le maniche e lavorando in silenzio, hanno rovesciato come un guanto il sistema di offerta. II processo è iniziato con la ricerca di mercati più dinamici rispetto a quelli dei tessuti cardati apparentemente avviati verso il tramonto. L'offerta locale ora comprende quote consistenti (più del 40%) di articoli in lana pettinata, cotone, viscosa, lino e seta. II nuovo mix produttivo ha ampliato gli orizzonti operativi del distretto: la maggior parte dei lanifici intrattiene rapporti con "terzisti" di aree diverse da Prato; quasi tutti, inoltre, acquistano filati e tessuti da imprese non pratesi. La struttura organizzativa presenta elementi in parte nuovi e molti lanifici hanno ricondotto all'interno funzioni precedentemente assegnate ad aziende esterne. Anche le reti commerciali sono state rese più aderenti alle esigenze determinate dalla compressione dei cicli produttivi dei confezionisti e del calendario delle uscite della distribuzione. 
In tutto questo, Prato ha pagato un prezzo elevato in termini di imprese, professionalità e capacità produttive installate, ma è riuscita ad invertire il ciclo recessivo ed ha ritrovato fiducia nelle proprie risorse. Lo sfoltimento delle attività T&A è continuato nel corso degli anni '90 ma la caduta è stata decisamente più consistente per le imprese (-15% tra il '96 e il '91) che per l'occupazione; questa di fatto negli anni '90 si è stabilizzata.

 

Share